Vite dei Santi /2

…La benedettina Badessa del Monastero di S. Pietro di Montefiascone che ricevette le visioni della Passione del Signore e ne descrisse le dure sofferenze interne…

Maria Cecilia Baij O.S.B.

Maria Cecilia Baij Monaca Benedettina 1694 – 1766 (note biografiche tratte da qui)

Cecilia Baij nacque a Montefiascone il 4 gennaio 1694. Entrò nel Monastero delle Benedettine di Montefiascone il 12 aprile 1713. Dopo essere stata Maestra delle Novizie e Vicaria, fu eletta Abbadessa il 10 luglio 1743, e tenne la carica quasi ininterrottamente per un ventennio. Attraversò, come tutti i mistici, ogni sorta di prove intime ed esterne, e venne sempre fuori con una umiltà e un distacco di sé che sono da soli una buona raccomandazione nei confronti della sincerità delle sue opere. Moriva a 71 anni, il 6 gennaio 1766. Il Cristo sofferente, durante la sua vita, volle associarla alla Sua Passione e a questo scopo, ne purificò il cuore con dure prove, rendendola degna di ricevere grazie e favori eccezionali.

Opere

Gli importanti scritti che la serva di Dio ci ha lasciati, e ricevuti per illuminazione divina, fanno di lei un’apostola e una messaggera dell’amore di Dio, nonché una grande mistica del secolo XVIII. Scrisse in particolare tre opere considerate pietre miliari della storia della mistica di tutti i tempi: “Vita interna di Gesú Cristo”, “Vita interna di S. Giuseppe” e la “Vita interna di S. Giovanni Battista” che sono il frutto di locuzioni interiori che la pia monaca riceveva e fedelmente scriveva in obbedienza al confessore. La prima edizione della “ Vita di S. Giuseppe” uscì nel 1921, trascritta e presentata da Mons.Bergamaschi, allora direttore del Seminario Regionale di Montefiascone e attento studioso delle opere della serva di Dio. Incoraggiato da eminenti personalità del tempo- da Bendedetto XV che gli fornì i mezzi per la pubblicazione e a cui dedicò il volume, all’Abate ordinario di San Paolo, il futuro Card.Schuster, elevato in seguito agli onori degli altari.

Preghiera

Signore Gesù, che hai scelto Maria Cecilia Bai] come tua confidente e l’hai chiamata a vivere intimamente unita a te, concedi anche a me di amare te e i fratelli con cuore libero e sincero. Dona, Signore Gesù, (per sua intercessione), la salute dell’anima e del corpo a me e ai miei cari, la grazia di fare sempre quello che a te è gradito e la felicità del Paradiso. Glorifica, Signore, la tua serva Maria Cecilia, affinché tutti conosciamo le cose grandi che tu hai fatto a lei e siamo spinti ad imitarne le virtù e a ringraziare te, Signore, che ci doni questi segni del tuo amore per noi.

Un Padre nostro, un’Ave Maria e un Gloria al Padre.

Per Approndire…

Pagina della Serva di Dio Maria Cecilia Baij nel sito delle Benedettine di Montefiascone (qui)

Logo Vite Straordinarie